Ciak si gira

Forse qualcuno di voi ha provato quella tremenda esperienza di parlare a qualcuno e di avere la precisa, anzi certa sensazione, che quel qualcuno non ti stia ascoltando o peggio tu puoi dire esattamente il contrario e quel qualcuno ti rispondera nel medesimo modo. Un vero e proprio FILM

Penso a chi é chiamato all’arte dell’ educazione, di solito e dico solo di solito, studenti, figli e chi è in generale in una situazione di ‘PICCOLO’ alcune volte non si trova proprio nella posizione dell’ascolto.

‘Il ciak si gira’ sembra ci rincorra da mattina a sera e anche in questa Africa le cose non sono poi cosi diverse. Spesso mi ritrovo a sottolineare delle cose con le ragazze del Foyer e ho la precisa sensazione che il loro pensiero sia da un’altra parte e che solo per cortesia e rispetto stanno lí davanti a me e magari ti rispondono con storie del tutto inventate.

Il massimo raggiunto è stato qualche tempo fa quando un misterioso signore ha bussato alla nostra porta e con modi cortesi ha chiesto di parlare con me. Qui il parlare è una cosa seria; ci si stringe la mano, ci si siede comodi e sii inzia chiedendosi prima come va la salute, la famiglia, il tempo, ecc. Tutte queste cerimonie iniziali non si possono eludere, sono obligatorie. Dopo tutto questo, ecco la richiesta del misterioso signore. Sua mamma è in fin di vita e lui ha bisogno di vederla per l’ultima volta e per affrontare il viaggio ha bisogno dei soldi per il viaggio; ora si trova in difficolta perche essendo lui un impiegato statale il suo stipendio non è stato ancora accreditato in banca e quindi non puo riscuoterlo ……. Ecco la sintesi, ma vi assicuro questa è davvero la sintesi, il tutto è stato riempito da una marea di altri particolari che andavano dalla composizione della famiglia a tutti i decessi gia vissuti. Ma che fare? Credere o non credere, mi sono detta. É un film o la vita? Non vi diró come è andata a finire per rispetto alle persone coinvolte ma ho riflettuto molto su come nelle situazioni particolari siamo, noi tutti, capaci di entrare in un FILM. Nelle relazioni questo è drammatico perchè diventa una schiavitú, arrivi a pensare che la veritá non sia piú entusiasmante e l’unica cosa che ti fa STARE in piedi e forte sia, appunto, fare un FILM e raccontarlo a chi ti è vicino.

Un giorno ho chiesto ad un ragazzo molto impegnato se avesse una fidanzata e lui sicuro e fiero mi ha risposto: No, ma soeur, io donne NIENTE. Infatti ho scoperto dopo poco che la sua seconda ragazza era incinta del 2 figlio. E cosi tanti esempi italiani e ciadiani a cui siamo sottoposti ora dopo ora. E allora che fare? Entri anche tu a far parte del mondo che si fa e ci fa dei FILM oppure RESTI e dico resti nella VITA che è sempre VERA?

Dopo tanti incontri un po cosí ecco che all’improvviso arrivano le storie che danno pace al tuo cuore. Una signora abbastanza anziana e affaticata si avvicina alla mia macchina, io stavo per riprendere la via di casa, lei con il suo francese povero ma tanto umile mi dice se volevo acquistare il frutto del suo campo. Aveva in testa una cesta di Budu (verdura tipica locale) ma io le rispondo che avevo già fatto la spesa e non avevo bisogno di nulla ma lei con insistenza mi dice: « vi prego ma soeur vi prego devo portare a casa qualcosa per mangiare ». Io le ripeto che avevo già preso e allora con grande forza lei mi incoraggia nell’ dicendomi con la sua mano nella mia: « Ma soeur a casa ho 14 figli sono di mio marito e delle sue 3 mogli, i miei sono morti tutti. Io sono la sua prima moglie e lui aveva detto che voleva solo me, ma poi ha preso anche le altre. A queste parole non mi vergogno di dire che non ho potuto trattenere le lacrime…. immaginate la mia faccia e con più audacia immaginate il mio cuore, la sua mano stringeva ancora piu forte la mia ed è allora che lei ha risposto a tutto il mio FILMESCO interrogativo. Ma soeur so che sono i figli di una menzogna ma il mio bene per loro è VERO e loro lo sanno

Ecco cosa spacca l’incantesimo del NON VERO, restare semplicementi FEDELI alla VERITA’. La prossima volta facciamoci una risata quando viviamo nelle nostre relazioni passaggi un po FILMESCHI. RESTIAMO fedeli al vero di noi e amiamo la povertá dell altro che ci prende in giro come fosse la nostra solo cosí potremmo raggiungere lo splendore degli occhi della mia amica dei Budu, occhi splendidi vi assicuro quasi DIVINI.

P.S le ragazze hanno mangiato BUDU per 4 giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *