Non tutte le ciambelle…

Com’era quella frase ? Non tutte le ciambelle riescono con il buco. Beh, credo che ciascuno di noi abbia fatto quest’ esperienza almeno 1 volta nella vita (non voglio esagerare dicendo una volta al giorno). La cosa peggiore è sentirsi rispondere in queste situazioni che ti hanno lasciato senza parole: ‘’Vabbe non fa niente’’ oppure ‘’Sará per la prossima volta’’, non so a voi, ma chi dice cosi mi fa scattare una chiusura di stomaco che solo la Nutella  riesce a riattivare.

Non sempre le cose vanno come prevediamo, e spesso assumono altre intonazioni, mete e ti ritrovi alla fine della puntata dicendo ma io pensavo che il film andasse a finire cosi…. INVECE….

Invece c’è sempre un momento nella vita in cui devi accettare la RESA, o meglio la SCONFITTA. In questo periodo il CIAd sta assumendo dei colori diversi dal solito. Bellissimi i tramonti, bellissimi i sorrisi ma cari miei le delusioni stanno arrivando e non sono proprio sconosciute ai miei occhi sono purtroppo giá state vissute ed incontrate anche in Italia, forse in maniera diversa. Infatti credo che l’uomo di qualunque razza o colore non sia tanto diverso. Siamo uguali nel bene e nel male in questo grande matrimonio che si chiama UMANITÁ. Se siamo capaci di dare FELICITÁ siamo anche capaci di DELUDERE.

Tu pensi di aiutare dando una giusta e buona remunerazione a chi lavora per te sognando che il suo tenore di vita inizi un po ad essere degno di tale nome e invece ti svegli dal sogno e scopri che tutto è stato perso nel nulla del piacere e delle frivolezze notturne.

Tu pensi di essere riuscita a convincere un ragazzo che è buono ed utile studiare e contenta dormi tranquilla perché hai visto la sua accoglienza nell’accettare le condizioni per continuare e invece ti svegli e scopri che non ha fatto nessuno esame e che i soldi sono serviti per comprare altro.

Tu pensi che sei riuscita a spiegare ad un mamma come nutrire bene la sua figlia fragile e malata perché malnutrita e poi scopri che la mamma non è per niente capace di prendersi cura di nessuno neanche di se stessa.

Tu pensi che sei riuscita a spiegare ad una ragazza di 15 anni che deve crescere e che puó anche dire di no al suo ragazzo perché sono piccoli e non è bene diventare subito una famiglia con figli. E invece ti arriva all improvviso alla porta con il suo bel pancino pieno della piccola vita in arrivo.

Tu pensi…. Tu pensi…. e invece l’ALTRO è ALTRO da te. Talmente tanto lontano che non vedi piu come raggiungerlo. Tra la cultura europea e questa cultura ciadiana non c è nessun punto in comune a cui aggrapparti, una mia consorella missionaria qui per 25 anni diceva: SONO IRRAGGIUNGIBILI. Il senso dello stato, della giustizia, dell’ onesta, della parola data, il modo di crescere i figli di educarli, il senso del rispetto, della dignitá, della proprietá, tutto molto diverso. Non dico meglio o peggio DIVERSO. E davanti alla diversitá si possono o alzare barriere dicendo IO HO RAGIONE oppure spalancare finestre di MERAVIGLIA e restare. Solo cosi il diverso non fa paura, non t’ imbarazza, non ti chiude lo stomaco e non ti lascia solo. Perche chi alza muri si ISOLA.

Restare con MERAVIGLIA questo fa la differenza.

Per caritá la cianbella non sará con il buco come vuoi tu, ma sará MERAVIGLIOSO MANGIARLA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *